Modificare il footer di WordPress: la guida completa.

modificare footer wordpress

Penso che sarai d’accordo con me:

Una delle cose che rende un sito web meno professionale in assoluto è il testo “Orgogliosamente Realizzato con WordPress” (o “Prowdly Powered by WordPress”) presente nel footer.

Nei temi a pagamento esistono quasi sempre dei modi semplici per rimuovere questa scritta attraverso le impostazioni del backend.

Il problema sorge infatti quando stiamo lavorando con un tema gratuito.

Tuttavia, la soluzione c’è. Anzi, ce ne sono varie.

In questo articolo vedremo quali sono i vari metodi per poterti sbarazzare della scritta “Orgogliosamente Realizzato con WordPress” con qualcosa di più attinente alla tua attività (o a quella del tuo cliente).

1. Modificare il footer attraverso l’editor del backend, senza fare danni

In generale, per qualsiasi modifica sul codice di WordPress, sarebbe sempre meglio installare un Child Theme e agire attraverso un client FTP.

Se vuoi saperne di più, salta direttamente alla sezione dedicata.

Tuttavia, come primo esempio, e dato che si tratta di un intervento così semplice, vedremo come modificare il footer di WordPress direttamente dall’editor del backend.

Cominciamo.

Questo esempio fa necessariamente riferimento ad un tema specifico (in questo caso Twenty Fifteen), ma gli stessi passaggi (o comunque gli stessi principi di base) possono essere applicati a qualsiasi tema.

Attenzione! Con questa procedura andremo a modificare direttamente il file footer.php presente all’interno della cartella del tema (../wp-content/themes/twentyfifteen/footer.php).

Per prima cosa dovrai andare su “Aspetto/Editor” e cliccare sulla voce “Footer del tema” della colonna di destra (vedi screenshot).

modificare il footer di wordpress

modificare il footer di wordpress

A questo punto, nell’editor di WordPress, troverai il seguente codice:

 <?php
/**
 * The template for displaying the footer
 *
 * Contains the closing of the "site-content" div and all content after.
 *
 * @package WordPress
 * @subpackage Twenty_Fifteen
 * @since Twenty Fifteen 1.0
 */
?>
</div><!-- .site-content -->
<footer id="colophon" class="site-footer" role="contentinfo">
 <div class="site-info">
 <?php
 /**
 * Fires before the Twenty Fifteen footer text for footer customization.
 *
 * @since Twenty Fifteen 1.0
 */
 do_action( 'twentyfifteen_credits' );
 ?>
 <a href="<?php echo esc_url( __( 'https://wordpress.org/', 'twentyfifteen' ) ); ?>"><?php printf( __( 'Proudly powered by %s', 'twentyfifteen' ), 'WordPress' ); ?></a>
 </div><!-- .site-info -->
 </footer><!-- .site-footer -->
</div><!-- .site -->
<?php wp_footer(); ?>
</body>
</html> 

Quello riportato qui sopra è il “template file” del footer, ovvero uno dei file principali dei temi WordPress. Esso non è nient’altro che il file PHP che viene utilizzato per la creazione del footer stesso e viene richiamato in ogni pagina del tuo sito.

In questo file viene definita la struttura principale del footer, principalmente attraverso l’uso di codice HTML e di funzioni chiamate “template tag” di WordPress (puoi trovare degli approfondimenti sui template tag all’interno del codex di WordPress).

Tornando al nostro scopo iniziale, per eliminare o modificare la scritta “incriminata”, ti sarà sufficiente rimuovere interamente la riga:

<a href="<?php echo esc_url( __( 'https://wordpress.org/', 'twentyfifteen' ) ); ?>"><?php printf( __( 'Proudly powered by %s', 'twentyfifteen' ), 'WordPress' ); ?></a>

Oppure personalizzarla a tuo piacimento inserendo un testo diverso al posto di “Proudly powered by %s” e modificando sia la URL “https://wordpress.org” che la parola “WordPress” (attenzione però se hai un sito multilingua, perché in questo modo si perde la “localizzazione” di WordPress).

Se ad esempio volessi modificare il footer all’interno del sito di un mio cliente, inserendo un link alla mia agenzia web, sostituirei la riga sopra indicata con qualcosa tipo:

<a href="<?php echo esc_url( __( 'http://lidea.net/', 'twentyfifteen' ) ); ?>"><?php printf( __( 'Sito realizzato da %s', 'twentyfifteen' ), 'Lidea Srl' ); ?></a>

oppure, che è più o meno equivalente e dà lo stesso risultato:

<a href="<?php echo esc_url( __( 'http://lidea.net/', 'twentyfifteen' ) ); ?>"><?php printf( __( 'Sito realizzato da Lidea Srl', 'twentyfifteen' ); ?></a>

Con un piccolo passaggio aggiuntivo, potrei personalizzare ancora di più il codice, facendo in modo che il link venga aperto su un’altra scheda del browser e rendendo cliccabile solo una parola, ad esempio il nome della mia agenzia:

<a href="<?php echo esc_url( __( 'Sito realizzato da target="_blank" href="http://lidea.net/', 'twentyfifteen' ) ); ?>">Lidea Srl', 'twentyfifteen' ); ?></a>

Inoltre, se volessi migliorare il tutto anche dal punto di vista della SEO, potrei indicare ai motori di ricerca che la risorsa indicata nel footer non è parte integrante del sito, aggiungendo l’attributo “rel” al tag e popolandolo con il valore “nofollow” e “noindex”, ovvero:

Sito realizzato da <a href="<?php echo esc_url( __( '<span style=" target="_blank" rel="nofollow noindex noopener">http://lidea.net/', 'twentyfifteen' ) ); ?>">Lidea Srl', 'twentyfifteen' ); ?></a>

Dopo aver modificato il codice, come sempre ovviamente dovrai cliccare sul tasto “Aggiorna File”, situato subito sotto l’editor, per salvare le modifiche effettuate e vedere finalmente il risultato direttamente in front end.

Lo stesso procedimento molto semplice si può utilizzare anche per modificare gli stili (in questo caso bisognerebbe editare il file “style.css” presente all’interno del tema) oppure il template del singolo post, dei commenti o ancora per modificare o aggiungere funzionalità un po’ più avanzate (cliccando su “Funzioni del tema” ed editando il file functions.php).

Come già anticipato, questo metodo per modificare un tema WordPress, sebbene sia molto semplice ed efficace, ha uno svantaggio non sempre trascurabile.

Lo svantaggio è che le modifiche effettuate in questo modo vengono apportate direttamente ai template file del tema su cui state lavorando (in questo caso Twenty Fifteen) e pertanto, al prossimo aggiornamento del Tema, verranno perse totalmente.

Se invece vuoi fare tutto nella maniera più corretta, ti consiglio di fare uso dei Child Theme.

Essi infatti ti consentiranno di personalizzare il footer e qualsiasi altra cosa, senza andare ad intervenire sul tema originale, ma creando una specie di mini-tema dipendente dal tema principale (da cui appunto il nome “Child Theme“) dove potrai conservare tutte le tue modifiche.

Il vantaggio principale è che, ad un eventuale aggiornamento del tema principale, non perderai neanche una riga del codice che hai scritto tu.

Cosa che invece avverrebbe se andassi ad aggiornare, ad esempio, Twenty Fifteen, dopo aver fatto le modifiche con il metodo del punto precedente (attraverso il backend).

Se vuoi approfondire lo studio dei Child Theme, ti consiglio di scaricare subito questo mini-ebook gratuito.

Al suo interno, oltre ad alcuni esempi su come modificare altri aspetti del tuo sito web, troverai anche l’esempio su come modificare il footer con questo secondo metodo.

3. Non vuoi scrivere codice? Usa dei plugin.

Come sempre, per quelli che hanno meno tempo a disposizione o per chi non vuole programmare, c’è sempre la possibilità di fare uso dei plugin.

Uno di questi è Smart Footer System.

Questo plugin è a pagamento ma ti consente di fare molte più cose e, con pochi click, di dare un aspetto grafico molto più professionale al tuo sito web.

Io, come sempre, preferisco fare il minimo uso possibile dei plugin, quindi la scelta finale sta a te e dipende dalle tue esigenze.

Tuttavia c’è sempre da dire, per correttezza, che i plugin a pagamento (specialmente quelli acquistati su Codecanyon) al contrario del codice “fai da te”, presentano alcuni vantaggi:

  • sono facili da installare
  • hanno un backend dedicato semplice e intuitivo
  • ti danno sempre un supporto tecnico incluso nel costo del plugin, per i primi mesi dall’acquisto

4. Sharing is caring :)

Per qualsiasi domanda o chiarimento, oppure se vuoi un consiglio specifico per realizzare una personalizzazione sul tuo sito, lascia pure un commento.

Se invece semplicemente ti è piaciuto questo articolo e pensi che potrebbe essere utile a qualcuno dei tuoi contatti, ti invito a mettere un like sulla mia pagina facebook oppure condividerlo sui social.

Buon lavoro!

Massimiliano

6 commenti
  1. Ezia

    Buongiorno,
    mi sono affacciata da poco ai template e-commerce, ma questo articolo è stato veramente un toccasana, dopo aver sbirciato per tutta la sera le directory per capire quale file modificare. GRAZIE MILLE

    Rispondi
    • Massimiliano
      Massimiliano dice:

      Buongiorno Ezia,

      Grazie a te. Sono molto contento che questo articolo ti sia stato utile.

      Se ti può interessare approfondire il discorso della personalizzazione dei temi / template di WordPress, ti segnalo questo ebook che puoi scaricare gratuitamente inserendo la tua email ed iscrivendoti alla newsletter di BLOGWP.IT.

      Al suo interno, troverai anche un esempio pratico su come modificare il footer facendo uso dei Child Theme invece di andare a modificare il tema principale.

      https://blogwp.it/modificare-footer-di-wordpress/

      Ciao,
      Massimiliano

      Rispondi
  2. Alessandro

    Ti ringrazio per la tua guida, che mi son letto attentamente, purtroppo i tuoi consigli sul tema Customizr ultima versione, non funziona. Hai delle dritte da dare? Grazie in anticipo
    PS: corro almeno a darti un like ;)

    Rispondi
    • Massimiliano
      Massimiliano dice:

      Ciao Alessandro,

      Sono contento che la mia guida ti sia piaciuta.

      Si, purtroppo nella guida ho voluto spiegare come si fa con il tema Twenty Fifteen che è molto semplice, per dare uno spunto iniziale su come andare a ragionare in questi casi.
      Poi però di tema in tema le cose cambiano.

      In particolare, in Customizr, il file da modificare (o ancora meglio sovrascivere con il Child Theme) è:
      customizr/templates/parts/footer/footer_credits.php

      Però poi non so se si riesce a fare un override semplicemente copiando lo stesso file, con la stessa struttura, all’interno della cartella del tema child.

      Io proverei procedendo in questo modo:
      1) Fai un backup del file che ti ho indicato qui sopra, scaricandotelo in locale e salvandotelo da qualche parte, poi torna a lavorare su quello del sito
      2) Modifica direttamente il file, giusto per verificare che sia il file giusto (mi sembra di si, ma meglio essere sicuri)
      3) Ripristina il contenuto (originale) del file footer-credits.php che hai appena modificato
      4) Copia lo stesso file all’interno della cartella del Child Theme
      5) Prova a modificare il file e vedi se cambia qualcosa; se non succede niente
      6) Copia il file footer_credits.php all’interno del Child Theme, ma con la stessa identica struttura delle cartelle (“/customizr/templates/parts/footer/”)
      7) Ripeti il punto 5

      Mi raccomando fammi sapere! Se poi ti funziona possiamo aggiungere anche la procedura per modificare il footer di Customizr all’interno dell’eBook sui Child Theme :)

      Ciao,
      Massimiliano

      Rispondi
  3. Vincenzo

    Non sono molto pratico di WP ma vorrei realizzare un sito wp senza perdere troppo tempo. Sto utilizzando il tema Twenty Sixteen: in questo tema è previsto un footer? E come faccio ad attivarlo e modificarlo? Se non è previsto, mi suggerito un tema, possibilmente gratuito, che lo prevede? Grazie

    Rispondi
    • Massimiliano
      Massimiliano dice:

      Ciao Vincenzo,

      Twenty Sixteen ti fa modificare il footer in un modo simile a quello descritto in questo articolo.
      Se invece vuoi fare tutto da backend, senza dover programmare, un tema a pagamento qualsiasi come quelli che trovi sul marketplace Themeforest dovrebbe avere questa funzionalità base. Tra quelli che uso io, ad esempio, i temi “BeTheme”, “Total”, “Avada”, “Enfold”, ecc. danno tutti piena libertà nella gestione del footer.

      Se poi vuoi fare un corso su WordPress contattami su [email protected] che ti posso dare una mano.

      Saluti,
      Massimiliano

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *